Apollo, conosciuto anche come Dio del sole, è una divinità nata dall’unione extraconiugale di Zeus e Lato e quando Era, legittima coniuge di Zeus lo scoprì, impedì a Lato di partorire il figlio su qualsiasi terra appartenente a questo mondo, era infatti tentò di vendicarsi rivalendosi in tutti i modi su Lato e sul figlio, quest’ultimo poi venne alla luce  su un’isoletta appena formatasi che non era ancora legata alla terra, questa porta il nome di Delo. Ma vi sono altre storie che parlano della vendetta e dell’ira di Era come quella secondo la quale, questa arrivò a rapire Ilizia ossia la Dea del parto affinché questa non potesse assistere Lato nel parto ma si narra anche che alla fine venne assistita da Persefone che la aiutò a partorire nelle acque del mare.

Il culto del Dio Apollo arrivò fino a noi dalla Grecia antica ed ecco perché tra gli dei romani non vi è un corrispettivo, solo Apollo era ed è il Dio del sole conosciuto a noi anche come Dio della medicina ma anche di musica e profezie. Nella maggior parte delle raffigurazioni, egli viene dipinto mentre impugna una cetra ed un arco e con il capo cinto da una corona di allora simbolo di vittoria. A lui venivano sacrificati diversi animali in riferimento alle sue doti e capacità. Come per tantissima altre divinità, anche suo Apollo sono diverse le versioni che riguardano la sua vita e come già esposto in precedenza la sua nascita. Tra le imprese di Apollo sono tantissime quelle che sono senza fine a noi alcune sono veramente utili altre invece e gioiose, tra le più terribili e spaventose troviamo quella della sfida musicale che il Dio Apollo fece con Pan che arrivò addirittura a definirsi più bravo del Dio stesso ragion per cui Apollo, dopo che Pan perse la sfida, lo legò ad un albero  e lo scorticò vivo. Fu anche un Dio vendicativo verso il suo stesso padre e poichè questo uccise suo figlio, Apollo massacrò tutti i ciclopi che avevano come compito, quello di forgiare i fulmini per Zeus. Tra le situazioni invece più romantiche vi è  quella tra Apollo e Dafne, relazione frutto della vendetta del Dio Eros, vittima delle continue derisioni da parte di Apollo. La ninfa Dafne però era già stata colpita da una freccia contraria che aveva il compito di farle rifiutare apollo e lasciarlo così disperato, Dafne per sfuggire a questo, chiese alla madre di tramutarla in una pianta di alloro che apollo fece divenire sua prediletta. Al che Apollo si innamorò di Giacinto, giovane principe spartano, ma Zefiro geloso di questo amore, uccise Giacinto e Apollo affranto dal dolore, decise così di tramutarlo in un bellissimo fiore rosso alla quale diede proprio il nome del suo amato. Apollo è ricordato per essere stato un grande Dio ma anche per le sue innumerevoli storie d’amore con Dei e non che hanno fatto la storia della mitologia greca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *