Si tratta di un metodo innovativo e senza dubbio versatile per avere tutte le funzionalità di un vero conto corrente, ma riassunte in una carta: la N26 è, infatti, una delle carte conto più gettonate del momento. Occorrono meno di 10 minuti per registrarsi al sito ufficiale e richiederla, inserendo i canonici dati personali e la propria mail: una volta confermata la propria identità, si potrà accedere ai servizi entro pochi giorni, scaricando anche la pratica app. Nonostante ne esista più di una versione, la Standard risulta senza dubbio già piuttosto completa ed è sufficiente avere più di 18 anni per richiederla.

Caratteristiche principali della N26

Come tutte le carte conto, anche la N26 ha un IBAN associato che la rende una cosiddetta carta conto. I limiti della 26 standard sono molto vantaggiosi, è prevista infatti una soglia di spesa mensile di 20 mila euro ed è inoltre possibile prelevare gratuitamente agli ATM una somma giornaliera di 2500 euro.

Vi è anche la tutela dei depositi fino a 100 mila euro per proteggere i correntisti. Il circuito su cui agisce la N26 è il Mastercard, mentre l’istituto emittente è omonimo alla carta stessa. Non vi sono costi di attivazione, né di mantenimento: persino le principali operazioni risultano gratuite e tra esse anche la ricarica, che ha invece una commissione pari all’1,50% se effettuata in contanti.

Per quanto concerne il plafond della carta, risulta essere illimitato rispetto alle ricariche massime effettuabili e al prelievo mensile, mentre è di ben 20 mila euro il limite di spesa in 30 giorni e di 2.500 euro il prelievo giornaliero da ATM.

Altri vantaggi della N26

Tra i metodi di ricarica della N26 troviamo i classici contanti (che però, come visto, sono soggetti a commissione) ma anche il bonifico, il trasferimento da altre carte o da altri account.

Il grosso vantaggio è che si può procedere con i pagamenti direttamente dall’applicazione desktop del computer o persino da quella per smartphone e smartwatch: per quanto concerne i pagamenti, ad esempio, N26 è, infatti, compatibile con Google Pay, Apple Pay e Samsung Pay: l’innovativo sistema Money Beam predispone bonifici praticamente in tempo reale.

Si possono destinare, sul suo IBAN, l’accredito dello stipendio, la domiciliazione delle bollette e provvedere a pagamenti dei principali bollettini. Quelli in bianco, quelli premarcati, di tipo MAV, RAV e il nuovissimo PagoPA. Non solo, se occorre noleggiare un’auto, la carta viene accettata dalle principali ditte dedicate a questo servizio.

Una funzionalità molto interessante, poi, è quella denominata “salvadanaio“. Si tratta di un piano di risparmio per accantonare cifre prestabilite entro determinati periodi di tempo, stabilendo obiettivi anche diversi.

La N26 si può utilizzare sia per fare i pagamenti online che per trasferire fondi, ma anche semplicemente per usarla come una carta di pagamento nei negozi fisici: in tal senso, è fruibile in tutta l’Unione Europea e anche al di fuori, ove però è prevista una maggiorazione del tasso di cambio pari all’1,70%. Le valute disponibili per il Transfer Wise, ovvero i bonifici internazionali, sono poco meno di 20.

L’assistenza dedicata, altro aspetto importantissimo per una carta conto, avviene sia tramite chat classica che a mezzo chatbot (ovvero chat virtuale). A livello di sicurezza, alla carta è abbinato un Master Secure Code che consente di bloccarla con un solo clic qualora venga smarrita o sottratta e vi sono comunque notifiche push per avvisare l’utente delle operazioni effettuate. Infine, ogni singola spesa può essere inserita in una specifica categoria per tenerla meglio sotto controllo.