Pensare all’organizzazione di un funerale, soprattutto se ad occuparsene è un amico o un parente del caro estinto, è qualcosa di estremamente difficile e complicato. Fortunatamente, nel momento in cui viene contattata l’impresa funebre, è questa a prendersi carico delle difficili incombenze che un funerale comporta. Nessuno, in un momento di chiaro sconforto e tristezza ha la forza di reagire alle complicanze della burocrazia italiana. Visitando il sito web Cattolicasanlorenzo.it è possibile avere una panoramica generale di come funziona un funerale, dalla scelta della bara fino alle modalità preferite per la cremazione o la sepoltura. Affidarsi ad una buona ditta, all’interno di questo contesto, consente di ricordare il proprio caro con tutte le energie possibili. Alla luce di questa premessa, come ci si comporta nel caso in cui qualcuno viene a mancare?

Il funerale con rito cattolico

Il funerale cattolico è quello più realizzato nel nostro paese.  Si realizzano alla presenza di parenti e conoscenti e, il rito, viene celebrato in chiesa dal parroco. Il rito cattolico si suddivide essenzialmente in tre parti:

  • La prima parte implica la contemplazione, chiamata anche veglia dunebre. Nel corso della veglia si espone una bara e, la location può corrispondere alla casa del defunto. Gli invitati al rito si occupano di recitare diverse preghiere, insieme al rosario. Questa usanza è legata alla morte di Gesù, per cui si è svolta una veglia funebre prima della resurrezione.
  • Il secondo step della cerimonia prevede che il sacerdote dica la messa e benedica la cassa con il defunto all’interno, utilizzando acqua benedetta e incenso. Durante questa parte del rito, oltre che il sacerdote possono intervenire i cari del defunto.
  • Infine c’è la parte della sepoltura, che avviene all’interno del cimitero dove l’impresa funebre trasporta la bara del defunto. La cassa viene portata dai responsabili dalle pompe funebri o dai parenti e amici, vicino alla tomba o alla cappella delegata ad ospitare la bara o in prossimità del fornetto. La cassa viene infine inserita nella tomba.

Un funerale oltre quello cattolico: il rito cinese

Nonostante nel nostro stato il rito cattolico sia quello più realizzato, le presenze extraculturali non mancano. I cittadini asiatici che muoiono in Italia mettono in atto una cerimonia i cui usi e costumi sono propriemente asiatici. In Cina i funerali sono un rito importante, infatti i cinesi pensano che celebrare un funerale male porti sfortuna. A causa di questo motivo gli asiatici preferiscono traportare le salme dei propri morti in Cina, dove il rito si svolge alla perfezione. Anche i cinesi dispongono la salma in casa, seguendo le regole del feng shui.