Ad oggi è necessario per tutti avere un conto corrente dove riporre i propri risparmi e sul quale canalizzare bollette e costi di altri servizi o semplicemente percepire uno stipendio. Con il passare degli anni, il conto corrente postale è andato via via ad assomigliare al servizio che anche altri istituti di credito offrivano, dando la possibilità al cliente di usufruire di diversi servizi sia allo sportello delle poste sia on-line.

Da sempre si è usufruito di conti correnti bancari, ad oggi più costosi ecco perché Poste Italiane attivata per offrire agli utenti un servizio più conveniente senza spese di gestione e con commissioni più convenienti rispetto al conto bancario.

Cos’è?

Come già accennato il conto corrente postale è uno dei servizi offerti da poste italiane per il risparmio, ve ne sono di diversi tipi e tutti offrono a loro volta un servizio differente; i servizi dei vari conti correnti, saranno poi da scegliere, come anche il tipo di conto, a seconda delle proprie esigenze.

Requisiti

I requisiti da vere e rispettare per procedere all’apertura di un conto corrente postale, non sono molti ma non sono aggirabili, bisogna necessariamente essere residenti sul suolo italiano, avere raggiunto la maggiore età anagrafica e non avere alle spalle fallimenti. Il conto banco posta può essere attivato anche da cittadini stranieri, regolarmente residenti in Italia.

Vantaggi, svantaggi e costi

Non vi sono particolari svantaggi nell’aprire u conto banco posta, ma vi sono invece enormi vantaggi, poiché a seconda del conto che si decide di aprire, vi sono diversi servizi. se si sceglie di aprire il conto corrente con libretto, non vi saranno neanche costi mensili da sostenere poiché completamente gratuito.

Conto banco posta invece prevede un canone mensile di 6 euro e vi dà diritto ad una carta di debito per pagamenti su POS oppure online e gestione del proprio denaro sia da dispositivi fissi e mobili. Tornando agli svantaggi, vi sono sicuramente il sovraffollamento degli uffici postali e quindi i luoghi tempi di attesa per il disbrigo delle proprie operazioni ed i costi- il costo del canone annuale è di circa 70 euro, somma che può anche essere ridotta se si sceglie di far accreditare lo stipendio o anche la pensione sul proprio conto corrente.

Non vi sono però ne costi di apertura conto ne di chiusura, vi sono però delle spese extra come per il prelievo da ATM a cui si applicheranno 1.75 euro o quelli per il canone annuo della propria carta di debito e credito che per la prima saranno di 10.00 euro e per la seconda di 37.00 euro o 57.00 a seconda della carta che si sceglierà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *